Localizzazione dei punti di perdite e di rottura in rete antincendio. Perdite di pressione nell’anello.

Ricerca perdita e guasti reti e impianto antincendio. Mancanza di tenuta negli anelli, idranti e perdite nelle condotte interrate fuori uso. Test, verifica e collaudo post riparazione. Mappatura percorso per nuovi allacci e diramazioni. Perizia rete, linee fuori uso. Identificazione del guasto o cali di pressione.

Perdite nelle reti antincendio e tubazioni interrate: perché scavare a caso quando c’è la tecnologia che può aiutarti?

perdita rete antincendio
Percorso rete antincendio adiacente struttura industriale.

Analizzando la struttura mediante l’indagine tramite gas traccianti, sarà possibile localizzare con estrema precisione le porzioni di conduttura dove vi è una mancanza di tenuta. La tubazione con perdite è spesso collocata a profondità di qualche metro ed è sottoposta a marciapiedi, strade perimetrali al capannone industriale o area adibite a parcheggi, antistanti condomini o sottoposta a giardini.

perdita anello antincendio
Perdita in anello antincendio, localizzata nell’intorno dell’idrante (punto siglato a terra)

Per tale motivo è di difficile identificazione la presenza di qualche elemento che possa suggerire dove eseguire una prima indagine mediante uno scavo. Ricordiamo che tale approccio ha comunque costi e presenta dei disagi in quanto può ostacolare il normale transito sulle aree coinvolte nonché essere di pericolo ed intralcio per il personale dell’edificio o dei lavoratori dell’area industriale coinvolta, nonché dei clienti e fornitori dello stesso.

Ma ad essere anche più pericoloso è aspettare: l’acqua può infatti creare dei vuoti e voragini sottostante la pavimentazione stradale, oppure con il tempo potrebbe anche dare origine a dei crolli o delle aperture, nonché creare criticità alla stabilità della struttura stessa.

Non ultimo e meno importante è l’aspetto di natura operativa, ovvero nel caso di un impianto antincendio non perfettamente funzionante oltre ad essere di estremo pericolo in caso di necessità di utilizzo da parte dei vigili del fuoco, comporta rischi per multe da parte degli organi competenti nonché di responsabilità all’amministratore, referente della manutenzione, responsabile dello stabilimento.

Per tutte le tubazioni interrate è possibile impiegare tale metodologia di ricerca?

La stessa metodologia ed approccio al problema è possibile impiegarle anche per l’individuazione del guasto di una linea idrica sottoposta a giardini, parcheggi, strade, ecc. Pertanto se la vostra rete idrica, condominiale o privata, sia sottoposta a strade, giardini, marciapiedi, attraversamenti pedonali, sarà possibile procedere con l’individuazione del guasto. Indipendentemente dalla distanza e profondità, sarà possibile procedere con l’individuazione mirata della zona dove eseguire lo scavo e la successiva riparazione.

Non si ha certezza del percorso della tubazione, ci sono problemi a localizzare il guasto? si può risolvere questo problema?

Nella fase di studio preliminare si valuterà anche l’ipotesi di eseguire l’identificazione del percorso di una conduttura il cui percorso non è noto a priori. In tal caso vi si può avere la necessità di eseguire la ricostruzione del percorso per poi agire con uno scavo diretto lungo talel percorso, procedendo così alla sostituzione e/o all’allaccio di una nuova diramazione. Quando necessario possiamo fornire più servizi per la localizzazione del percorso della tubazione così come riportato nella sezione dedicata nel nostro sito “Localizzazione percorso tubazioni” (clicca su questo link).

Vantaggi della metodologia proposta: rapidità e precisione.

L’indagine proposta dalla nostra azienda è pertanto rivolta a tutti i casi in cui si necessita di intervenire in tempi rapidi e mediante l’identificazione mirata della zona dove poi eseguire lo scavo per porre rimedio alla rottura. Non importa se la tubazione è sottoposta a giardino, area asfaltata, area carrabile, materiale misto, sarà sempre possibile eseguire la localizzazione del guasto.

Il nostro intervento consiste generalmente secondo la presente metodologia (mediamente in una o due giornate lavorative):

  • Eseguendo un’analisi preliminare della struttura e mediante lo studio della migliore soluzione atta a circoscrivere il più possibile la fase di ricerca.
  • Eseguendo una prima analisi, a seconda della tipologia di impianto presente, mediante l’impiego di strumentazione quale termografia, geofono ed altre centraline elettroniche.
  • Ottimizzare l’individuazione del punto di rottura mediante l’impiego combinato dei gas traccianti: una speciale miscela è inserita all’interno della tubazione per poi consentirci l’identificazione del punto di rottura in superficie. La perdita della tubazione può essere identificata in alcune circostanze con una precisione inferiore al metro.
  • Report tecnico con l’indicazione dei punti dove intervenire, nonché per disporre di un documento per fini legali o assicurativi.

Perché è necessario svuotare l’impianto?

Il circuito dell’impianto sarà completamente svuotato (se non possibile sezionarlo) e sostituita all’acqua la miscela di gas. Ricordiamo che tale gas è atossico, non esplosivo, né di pericolo per cose e persone. Il gas fuoriuscendo dal punto di rottura, risale verticalmente in superficie e viene individuato mediante apposite centraline elettroniche. In tal modo si interverrà soltanto nel punto esatto dove è presente la perdita. Una volta ultimata la ricerca, sarà possibile eseguire lo scavo e la relativa riparazione immediatamente.

E se l’impianto non fosse possibile svuotarlo?

Nel caso in cui il circuito dell’impianto non fosse possibile svuotarlo (ricordiamo in tutto o in parte) oppure perché non è possibile applicare la metodologia dei gas traccianti per motivi di lunghezza del circuito e/o per sicurezza, tipologia di attività produttiva, ecc., saranno proposte altre metodologie di ricerca che potranno vedere sempre l’impiego di centraline elettroniche non invasive.

Chi, come e dove eseguite l’eventuale immissione di gas nella conduttura?

La tubazione idrica una volta svuotata sarà collegata a dei nostri speciali raccordi in grado di consentirci l’immissione del gas nella conduttura. I nostri tecnici eseguiranno tale procedura in totale sicurezza non alterando l’impianto esistente né eseguendo modifiche né manomissioni alle strutture esistenti. La scelta della pressione e del quantitativo di gas da inserire, nonchè le procedure tecniche preliminare ci hanno consentito di ottenere ottimi risultati. Un attento studio preliminare consente di determinare la miscela di gas più idonea e la pressione di esercizio ottimale.

Quanto tempo si impiega per individuare la perdita?

Generalmente, ma molto dipende dalla lunghezza e dalla tipologia delle tubazioni, un’indagine di ricerca è svolta in un tempo medio di una giornata lavorativa. Eccezionalmente si impiegano più giorni per le procedure di ricerca. La stima della durata del nostro intervento può essere eseguito anche da remoto tramite il questionario, gratuito, che formuliamo al nostro cliente.

Oltre alla perizia c’è la possibilità di disporre di una relazione per impieghi in ambito legale o assicurativo?

Ogni nostra perizia prevede una dettagliata relazione tecnica comprendente tutte le attività svolte sul sito, con una descrizione dettagliata delle problematiche individuate. La relazione, a firma di un tecnico abilitato, potrà essere impiegata sia in contesti legali che per ottenere dei rimborsi assicurativi.

Ricordiamo che non verranno eseguiti scavi alla cieca, né alterazioni alla rete esistente. I nostri servizi sono sempre non distruttivi, né invasivi.

Contattaci per fornirci senza vincoli ed impegno le informazioni per un preventivo gratuito.